Associazione Italiana Nucleare

Ti trovi in: Home // Bufale Nucleari, In generale // Gli italiani hanno già detto no al nucleare con i referendum del 1987. Per cambiare quella decisione servirebbe un nuovo referendum

Gli italiani hanno già detto no al nucleare con i referendum del 1987. Per cambiare quella decisione servirebbe un nuovo referendum

La bufala

“Gli italiani hanno già detto no al nucleare con i referendum del 1987. Per cambiare quella decisione servirebbe un nuovo referendum”

La realtà

Agli italiani non è mai stato chiesto di esprimere un sì o un no sull’uso dell’energia nucleare.
Nel novembre 1987 si tennero in Italia tre referendum abrogativi di tre norme di legge:

  • la prima consentiva al CIPE di decidere la localizzazione delle centrali a carbone e nucleari qualora le amministrazioni locali non decidessero entro i tempi stabiliti;
  • la seconda erogava benefici economici ai comuni che accettavano l’insediamento di centrali a carbone e nucleari;
  • la terza consentiva all’ENEL di partecipare alla realizzazione e all’esercizio di centrali nucleari all’estero.

Nella proposta di decisione scritta dalla Corte di Cassazione per la Consulta si legge che i tre referendum furono ammessi proprio perché non implicavano un sì o un no all’energia nucleare.

Ciò in quanto la Costituzione italiana vieta di sottoporre a referendum le materie oggetto di trattati internazionali, e il Trattato Euratom, sottoscritto nel 1957, impegna tuttora l’Italia, insieme agli altri paesi europei, a sviluppare l’energia nucleare.

Non fu quindi l’abrogazione delle tre norme ricordate ad impedire di realizzare nuove centrali nucleari in Italia. La decisione di non costruire nuovi impianti e di fermare quelli esistenti fu assunta, in palese violazione del Trattato Euratom, dai governi di allora, che privilegiarono il consenso elettorale incuranti dei danni arrecati all’economia del Paese.

La costituzione italiana non prevede lo strumento del referendum consultivo: non sarebbe quindi possibile, oggi come allora, chiedere agli italiani di esprimere un sì o un no sull’uso dell’energia nucleare. Si tratta di una decisione di politica energetica nazionale che compete al governo e al parlamento.

Tutte le bufale nucleari

comment closed

Informazioni legali - Associazione Italiana Nucleare
Mappa del sito - Feed RSS
popstrap.com