Associazione Italiana Nucleare

Ti trovi in: Home // Bufale Nucleari, Economia // Gli impianti nucleari sono costosissimi: 4,8 miliardi di euro per 1000 MW. Le ultime stime per un reattore come quelli che l’Enel vorrebbe costruire in Italia indicano un costo del kWh nucleare di circa 14 centesimi di euro. Quindi l’energia nucleare è antieconomica e farà aumentare le bollette degli italiani

Gli impianti nucleari sono costosissimi: 4,8 miliardi di euro per 1000 MW. Le ultime stime per un reattore come quelli che l’Enel vorrebbe costruire in Italia indicano un costo del kWh nucleare di circa 14 centesimi di euro. Quindi l’energia nucleare è antieconomica e farà aumentare le bollette degli italiani

La bufala

“Gli impianti nucleari sono costosissimi: 4,8 miliardi di euro per 1000 MW. Le ultime stime per un reattore come quelli che l’Enel vorrebbe costruire in Italia indicano un costo del kWh nucleare di circa 14 centesimi di euro. Quindi l’energia nucleare è antieconomica e farà aumentare le bollette degli italiani”

La realtà

In Europa il costo di una centrale nucleare è di circa 2.200-2.500 euro/kW.

Il costo della centrale da 1.600 MW in costruzione a Flamanville (Francia) è valutato a preventivo in circa 3,5 miliardi di euro. Costa quindi

  • circa il doppio di un impianto convenzionale di pari capacità produttiva;
  • ­ la metà di un parco eolico di pari capacità produttiva;
  • ­ un ventesimo di un parco fotovoltaico di pari capacità produttiva.

Ciò che conta, tuttavia, non è il costo di impianto, ma il costo del kWh prodotto. Secondo gli studi condotti negli ultimi dieci anni in campo internazionale, al variare del costo del denaro fra il 5% e il 10%,

  • ­ il costo di produzione del kWh nucleare varia tra 2 e 5 c€;
  • ­ il costo del kWh prodotto con il gas varia tra 4 e 6 c€;
  • ­ il costo del kWh prodotto con il carbone varia tra 2 e 6 c€.

·Secondo uno studio commissionato nel2008 dall’APER (Associazione dei Produttori di Energia Rinnovabile) all’Università di Padova, il costo di produzione del kWh da fonti rinnovabili è il seguente:

  • ­ biomasse: 20,5 c€
  • ­ combustibile derivato dai rifiuti: 13,5 c€
  • ­ biocombustibili: 15,3 c€
  • ­ eolico: 9,5-10,5 c€
  • ­ idroelettrico: 9,6-17,5 c€
  • ­ fotovoltaico: 41-50 c€

I suddetti studi dimostrano che l’elettricità nucleare è più economica di quella prodotta con le fonti fossili e molto più conveniente di quella prodotta con le fonti rinnovabili.

Tutte le bufale

comment closed

Informazioni legali - Associazione Italiana Nucleare
Mappa del sito - Feed RSS
popstrap.com