Associazione Italiana Nucleare

Ti trovi in: Home // Bufale Nucleari, Salute e Ambiente // Il disastro di Chernobyl ha causato circa 10 mila casi di tumore solo in Italia

Il disastro di Chernobyl ha causato circa 10 mila casi di tumore solo in Italia

La bufala

“Il disastro di Chernobyl ha causato circa 10 mila casi di tumore solo in Italia”

La realtà

Il disastro di Chernobyl ha prodotto in Italia una dose media individuale pari a 1,6 mSv, che moltiplicata per la popolazione italiana costituisce una dose collettiva pari a circa 100.000.000 mSv.

Applicando in modo distorto l’ipotesi di proporzionalità lineare senza soglia tra dosi ed effetti si può fare il seguente calcolo:

  • ­Ladose collettiva determinata in Italia da Chernobyl è stata di 100.000.000 mSv;
  • ­ una dose collettiva di 10.000 mSv produce in media un caso di tumore (dall’ipotesi lineare);
  • ­ una dose collettiva di 100.000.000 mSv produce quindi 10.000 casi di tumore (proporzione);

­ quindi in Italia il disastro di Chernobyl ha prodotto 10.000 casi di tumore.

Il ragionamento corretto è invece il seguente:

  • ­ una dose collettiva di 10.000 mSv può produrre statisticamente un caso di tumore, ma solo se deriva da dosi individuali superiori a 100 mSv;
  • ­ in Italia le dosi individuali sono state pari a 1,6 mSv (ovvero oltre 60 volte inferiori a 100 mSv);

­ non ha quindi alcun senso calcolare i casi di tumore provocati in Italia dal disastro di Chernobyl: semplicemente perché non esistono.

Tutte le bufale nucleari

comment closed

Informazioni legali - Associazione Italiana Nucleare
Mappa del sito - Feed RSS
popstrap.com