NASA, dal 1971 al 2009 l’energia nucleare ha evitato quasi due milioni di morti per l’inquinamento.

Circa due milioni. Sarebbe questo – secondo la ricerca pubblicata sulla rivista “Environmental science and technology” e firmata anche da James Hansen, uno dei pionieri della climatologia  – il numero di morti per inquinamento evitate grazie all’energia nucleare, che ha anche permesso la non immissione in atmosfera di miliardi di tonnellate di CO2.

Hansen e il coautore Pushker Kharecha, entrambi ricercatori del “Goddard Institute for Space Studies di New York” (NASA), sono partiti da uno studio pubblicato da Lancet nel 2007, in cui erano calcolati i morti per unita’ di energia generata dai diversi combustibili fossili e dal nucleare.

Abbiamo calcolato che l’energia nucleare ha prevenuto 1,84 milioni di morti per l’inquinamento – scrivono gli autori – e l’emissione di 64 miliardi di tonnellate di CO2. Entro meta’ del secolo, l’atomo potrà prevenire tra 420mila e 7 milioni di altre vittime, e tra 80 e 240 miliardi di tonnellate di CO2, a seconda di quale combustibile fossile sostituirà’‘.

 

(Fonte:ANSA)

Condividi questa notizia!
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Lascia un commento